Home > Consigliati > Superman Terra Uno

Superman Terra Uno

1 settembre 2011

C’è un’interpretazione molto interessante del mito di Superman per la quale il supereroe più famoso di sempre incarnerebbe in sé il sentimento ebraico a ridosso del secondo conflitto mondiale. I  creatori di Superman, Joe Shuster e Jerry Siegel, erano infatti entrambi nati da famiglie ebree emigrate negli Stati Uniti dalla vecchia Europa e tratteggiarono un personaggio che, tolte tutte le connotazioni fantascientifiche e supereroistiche, riassume in sé molte caratteristiche della sensibilità ebraica. Superman è infatti un esule, l’unico sopravvissuto del proprio popolo, costretto a vivere su una pianeta che non è il suo; in lui è forte il sentimento di elezione, ma anche il senso di estraneità dato dell’esilio, dalla lontananza dalla Terra Promessa. È dotato di straordinari poteri, ma obbligato a nascondersi, a vivere nell’ombra e nell’anonimato per potersi integrare nella società, per proteggere sé stessi e i propri cari.

Tutte queste tematiche emergono nello splendido “Superman – Terra Uno“, nel quale J. Michael Straczynski racconta le origini dell’Uomo d’Acciaio attraverso una narrazione moderna e attualizzata, scegliendo una prospettiva psicologica ed introspettiva. Vediamo il giovane Clark Kent arrivare a Metropolis alla ricerca di sé stesso e del proprio ruolo nel mondo, scendere a patti con la propria unicità che lo rende allo stesso tempo speciale e diverso da tutti, che lo costringe ad indossare la maschera dell'”uomo comune”.  Il tutto scandito da una narrazione perfettamente calibrata, che integra i momenti riflessivi a quelli d’azione, dando al pensiero una forma plastica e viva. Ne emerge un Superman fedele al mito e al contempo umano, complesso, credibile.

 

Planeta DeAgostini, 136 pagine, € 14,95

I commenti sono chiusi.